Usiamo cookies nostri o di terzi per migliorare i servizi offerti, analizzando le sue abitudini di navigazione. Se continua a navigare senza cambiare la configurazione, assumiamo che accetti l’uso dei cookies del nostro sito. Ulteriori informazioni o istruzioni su come cambiare la configurazione possono essere reperite nella sezione "informazioni legali" all’interno del nostro sito.

ACCETTA
Isole Canarie – Arcipelago da vivere

Il sorriso del sole

Un emozionante documentario che ci svela le esperienze di undici inuit durante il loro affascinante viaggio nelle Isole Canarie.

Quattro uomini, tre donne e quattro bambini piccoli, di età compresa tra uno e otto anni, sono i protagonisti di questa avventura nelle sette isole delle Canarie. “Il sorriso del sole” è un documentario sull'influenza del MIGLIOR CLIMA DEL MONDO sugli abitanti di una delle zone con il peggior clima.

Era la prima volta che partivano per un luogo così lontano e così diverso dal loro piccolo villaggio di appena 300 abitanti situato nelle gelide terre della Groenlandia, dove le temperature sono estremamente fredde durante buona parte dell’anno.

Guidato da Francesc Bailón, antropologo spagnolo esperto di cultura inuit e ad essa legato da una stretta relazione consolidata dai continui viaggi a Kulusuk, il gruppo è giunto nelle Isole con il miglior clima del mondo per vivere situazioni che non avevano mai provato prima e scoprire un ambiente naturale dolce e radicalmente differente da quello dei gelidi ghiacci dell’Artico: hanno sentito una leggera brezza sul viso, toccato e camminato scalzi sulla calda sabbia della spiaggia, si sono fatti accarezzare dalle onde del mare o hanno visto per la prima volta delle specie vegetali, come le palme e altri tipi di alberi da bosco, nonché nuovi animali come i cammelli o le lucertole... Hanno persino visto uscire acqua corrente dai rubinetti e visitato città. Una moltitudine di esperienze che non dimenticheranno mai più e che rimarranno per sempre registrate in questo documentario e, soprattutto, nei loro SORRISI.

IL VIAGGIO IN TRE MINUTI

PHOTO GALLERY

Isole
Canarie
KULUSUK

Kulusuk

È un villaggio remoto di 300 abitanti situato nella regione di Tunu, nella Groenlandia orientale. Qui gli inuit vivono in condizioni molto difficili con un clima estremo e un paesaggio costantemente ricoperto di ghiaccio, tanto è vero che il giorno della partenza per le Isole Canarie era prevista tormenta e l’aeroporto sarebbe rimasto chiuso. Per far fronte a questo imprevisto, la spedizione ha predisposto il noleggio di un aereo per spostarsi da Kulusuk a Reykjavik, in Islanda. Dopo oltre 13 ore di volo e 4.500 chilometri i nostri amici inuit sono finalmente arrivati nel luogo con il miglior clima del mondo.

I PROTAGONISTI

Anda Kuitse

64 anni, ballerina di danze africane

Peter Uitsatikitseq

49 anni, pescatore e cacciatore

Birthe Uitsatikitseq

45 anni, casalinga

Justus Utuaq

28 anni, pompiere e cacciatore

Charlotte Uitsatikitseq

23 anni, impiegata in un asilo

Niels-Ole Utuaq (Mogu)

25 anni, cacciatore

Helene Utuaq

30 anni, casalinga

Augo Nathanielsen

8 anni

30 SECONDI DI EMOZIONI ED ESPERIENZE

Dalla pesca in acque ghiacciate...
al piacere delle onde dell’Atlantico
Dai canti e balli sul ghiaccio...
alla brezza delle Isole Canarie
Dalla giacca a vento e gli stivali...
alla t-shirt e al costume
Dai castelli di ghiaccio...
alla piacevole sabbia calda

Francesc Bailón Trueba

Antropologo

Nel 1997, dopo essersi laureato in Antropologia Culturale (Università di Barcellona), decise di dedicarsi allo studio e alla ricerca sulla cultura inuit. Ha realizzato fino ad oggi 21 spedizioni nell’Artico concentrando il suo lavoro sul campo a Kalaallit Nunaat (Groenlandia). È professore e conferenziere su temi relativi a questo popolo, guida turistica-culturale di viaggi nell’Artico e product manager greenland dell’Agenzia X-PLORE Viajes & Expediciones. Consulente del Teatro Nazionale di Catalogna per l’opera teatrale Groenlàndia (2012) diretta da Jordi Faura, ha inoltre collaborato come esperto della cultura inuit nel film Nobody wants the night (2015), girato dalla regista Isabel Coixet. Collaboratore di National Geographic e autore di vari articoli sulla cultura inuit e dei libri Los poetas del Ártico. Historias de Groenlandia (2012) e Los inuit. Cazadores del Gran Norte (2015). Attualmente è considerato uno dei più grandi esperti mondiali di questa materia.

Guille Cascante

Regista

Socio fondatore e direttore della casa produttrice Goroka, è responsabile dei programmi Página 2 e Mapa Sonoro della TVE, El tamaño no importa di Canal Plus e dei programmi Cites 2.0 e Caràcter su TV3, solo per citarne alcuni. Ha inoltre diretto i documentari Ecos del subsuelo (TVE/RedBull), Rauxa Visual (TVE/TV3) e Palabras alrededor del mundo, riconosciuto come migliore documentario spagnolo al Barcelona Sport Film Festival. Ha realizzato i suoi ultimi lavori a Cabo de Hornos, dove ha girato un documentario per la Barcelona World Race, e nell’Oceano Artico, dove ha diretto il documentario Latitud 80. Ballenas, delfines y mariposas, opera in cui riflette sul concetto di casa durante un viaggio in barca a vela nei luoghi più remoti della Terra.